Vai al contenuto

Ciò che sta facendo il Papa è simile a quello che fanno molti pastori nelle chiese Evangeliche massonizzate

21 maggio 2021

Ciò che sta facendo il papa è simile a quello che fanno molti pastori nelle chiese Evangeliche massonizzate

Un giornalista cattolico ha scritto un articolo contro le parole di papa Francesco, e tra le altre cose scrive ci sono queste che voglio prendere in considerazione(1):

”perché il Dio di cui ci parla Bergoglio è orientato non a perdonare, ma a discolpare?”.

Tale frase mi ha colpito, non tanto perché l’ha detto il massone gesuita papa Bergoglio, ma perché è esattamente ciò che stanno facendo molti pastori nelle chiese evangeliche.

Tra i doveri che hanno i pastori delle pecore del Signore Iddio è quello di pascere le pecore, di annunziare loro la verità della Parola di Dio, di sorvegliarle e quando sbagliano riconciliarle con Dio facendo vedere loro il peccato che hanno commesso, esortandoli a confessarlo e ad abbandonarlo, chiedendo perdono a Dio, di modo che il Signore Gesù Cristo li perdoni e li purifichi dai peccati, mediante la fede nel suo sangue sparso sulla croce per la remissione dei peccati (cfr. 1 Giovanni 1:7).

Molti pastori, oggi, non fanno ciò che sta scritto nella Bibbia che devono fare, ma compiono un’opera che distrugge spiritualmente le pecore e offende Iddio disprezzando i suoi comandamenti; essi si compiono ogni sforzo per difendere i peccatori, cercando di dimostrare che ciò che hanno fatto non può definirsi peccato. Per fare qualche esempio, il risposarsi con il primo coniuge ancora in vita e il conseguente stato di adulterio secondo le sacre Scritture, per loro non è peccato, così pure giustificano l’omosessualità, la fornicazione, l’omicidio degli aborti e tanti altri tipi di peccati, adducendo come giustificazioni ragioni che annullano del tutto completamente la colpa del peccatore. Citano qualche frasetta giustificativa, questi pastori corrotti che non sono stati incaricati da Dio di fare i pastori, essi dicono alle pecore del Signore che hanno peccato: ”ma si amano, quindi l’adulterio, la fornicazione, l’omosessualità non è peccato, perché c’è l’amore tra di loro”. Con la parola amore NASCONDONO il peccato, lo tolgono di mezzo, invece di condannarlo e spingere le anime a non peccare più, lo giustificano spingendoli a continuare a peccare, perché il peccatore se non viene ripreso dal pastore, se non gli viene indicata la giusta via da seguire, si sente fortificato nel peccato e continuerà a commetterlo, non se ne allontanerà mai (cfr. Geremia 23:14).

La Parola di Dio ci insegna che il peccato va prima di tutto riconosciuto, poi condannato e abbandonato; il peccatore deve pentirsi di averlo commesso e deve confessarlo al Signore Gesù Cristo, e chiedere perdono di aver trasgredito i comandamenti di Dio; facendo ciò si fa in modo che intervenga la misericordia di Dio che perdona il peccato e lo purifica dalle coscienze mediante la fede nel sangue che Gesù Cristo ha versato sulla croce (cfr. 1 Giovanni 1:9). Ma se uno viene convinto di non aver peccato, questi non potrà di conseguenza ravvedersi e chiedere perdono a Dio, perciò non otterrà il perdono dei suoi peccati, egli rimane nei suoi peccati e quando morirà andrà a finire all’inferno.

Eccovi dunque mostrata questa macchinazione di Satana, che sta operando in mezzo alle Chiese Evangeliche per le mani dei pastori malvagi, sviati dalla verità delle sacre Scritture.

Inoltre, fratelli e sorelle nel Signore voglio che notiate, per questo ho citato l’articolo scritto da un giornalista cattolico, che pure gli increduli cattolici giornalisti hanno compreso che nascondere e coprire il peccato non va bene davanti a Dio; quindi per quale motivo non si accorgono i veri credenti nati di nuovo, dell’opera satanica che stanno compiendo i pastori delle comunità di Stato? Sono forse ciechi e sordi? O sono codardi?

Cari nel Signore, dunque, vedete come ci sono ulteriori prove che vi dovrebbero spingere ad abbandonare queste comunità massonizzate. Vegliate, dunque, state attenti alle anime vostre, per non perdere il premio che Dio vi ha promesso. Attenetevi strettamente a ciò ch’è scritto nella Bibbia, guardatevi dai pastori corrotti delle chiese massonizzate e uscite da esse, fratelli ve lo dico ancora con tutto il cuore, USCITE DA BABILONIA se non volete essere condannati insieme a lei.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

1 – 20 febbraio 2021 – Andrea Cionci Storico dell’arte, giornalista e scrittore, si occupa di storia, archeologia e religione. “Come è possibile che un’ottima parte dei più autorevoli e stimati vaticanisti nel panorama giornalistico italiano, siano divenuti nel tempo, chi prima e chi dopo, fortemente critici (per usare un eufemismo) verso Francesco? Sandro Magister, Marco Tosatti, Antonio Socci, perfino il venerabile Vittorio Messori non ha risparmiato strali a Bergoglio. L’ultima bordata arriva dal mite Aldo Maria Valli, già vaticanista del Tg3, fedele cronista dei viaggi di Giovanni Paolo II. Il suo tono sempre misurato ed elegante non gli evita, stavolta, di picchiare durissimo nei contenuti.” Riportiamo integralmente il suo intervento pubblicato su Radio Roma Libera: https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/26278178/aldo-maria-valli-roma-senza-papa-bergoglio.html

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...