Vai al contenuto

Siate santi e siate anche misericordiosi

26 giugno 2022

Siate santi e siate anche misericordiosi

Sta scritto.

«Siate santi, perché io son santo.» (1 Pietro 1:16)

«Siate misericordiosi com’è misericordioso il Padre vostro.» (Luca 6:36)

Le sacre Scritture ci insegnano che dobbiamo essere santi, che i credenti nati di nuovo devono obbligatoriamente santificarsi; essi devono esaminare ogni cosa affinché riescano a discernere ciò che li può contaminare e che può dispiacere a Dio, da ciò che li edifica ed è conforme alla volontà del Signore.

Ma non è da meno e non deve essere trascurato, che insieme a quel comandamento fondamentale di santificarsi, c’è anche quello di essere obbligatoriamente misericordiosi come lo è il Padre nostro che è nei cieli, come pure lo è Gesù Cristo il nostro Signore e Salvatore delle anime nostre.

Molto si è dibattuto nella Chiesa in questi decenni della santità e di essere santi, ed è una cosa buona, fa parte di tutto il consiglio di Dio, ma molto di meno è stato scritto e insegnato in riferimento al comandamento di essere misericordiosi, che è un sentimento profondo di compassione verso coloro che soffrono e sono infelici con la conseguenza di sentire l’impulso di soccorrerli per liberarli dal bisogno e dall’afflizione che li ha colpiti. Nella misericordia non c’è posto per la spietatezza, per la crudeltà, ma il credente deve sempre cercare sempre di mettersi nei panni di colui che è infelice e travagliato, in modo da poterlo aiutare nella maniera più conveniente e giusta possibile, e cercare piuttosto una soluzione per tirarlo fuori dalla fossa in cui è caduto, piuttosto che allontanarlo senza sentire ragioni e senza nemmeno provarci.

Pertanto, fratelli e sorelle nel Signore, obbedite al comandamento di santificarvi, perché senza la santificazione nessuno vedrà il Signore (cfr. Ebrei 12:14), ma non dimenticatevi neppure di unire alla santificazione la misericordia, e se uno è misericordioso deve per forza di cose manifestarsi esteriormente, perché la misericordia fa bene al prossimo, e anche a sé stessi (cfr. Matteo 5:7).

Quindi, nella Chiesa c’è bisogno di entrambe le cose, sia della santità che della misericordia, quindi cari nel Signore studiatevi di santificarvi prima di tutto e di essere misericordiosi in secondo luogo. La santità stessa senza misericordia non va bene, ci ricorda i farisei, che si impegnavano totalmente nell’osservanza della legge, ma furono accusati da Gesù di non essere misericordiosi (cfr. Matteo 23:23).

Cari nel Signore, santificatevi, ma non dimenticate mai di essere misericordiosi, perché questa è la volontà di Dio.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...