Skip to content

Avvisi!


Avvisi!

#5 – 08.10.2011

Avviso ai commentatori!

– Ricordatevi che i commenti su questo blog sono moderati, cioè soggetti alla mia approvazione.
– Ricordatevi di inserire il vostro nome e i vostri dati in modo verace, se questo punto non vi aggrada, andate a giocare a nascondino da un’altra parte.
– Non insultate, non contendete e dimostrate ogni cosa con le sacre Scritture.
– Mettete le vostre opinioni supportate dalla Parola di Dio, altrimenti, cosa se ne fanno i santi delle vostre opinioni?
– Intervenite nel dibattito affinchè ci sia un arricchimento per il lettore, che non sia soltanto una difesa per partito preso del vostro predicatore o della vostra organizzazione.
– Non scrivete cose insensate, altrimenti i vostri commenti non li farò passare.
– Ricordatevi di entrare nel merito dell’argomento, attaccare chi scrive non serve a nulla e manifesta quanta incapacità e mancanza di conoscenza c’è in voi, perché non dimostrate il contrario con le Scritture, ma vi lasciate andare alla denigrazione gratuita e inutile.
– Se gli untori delle false dottrine e i propagatori delle condotte scandalose sono liberi, per quale motivo non dovremmo esserlo noi nel mostrare il nostro dissenso da certe dottrine false e da certi comportamenti scandalosi?
– Non lamentatevi, quindi, se non faccio passare i vostri commenti, perché ciò significa che sicuramente rientrano in queste casistiche che vi ho scritto.
– Le critiche di taluni che dicono che faccio passare solo i commenti favorevoli è una calunnia, se vi fate un giro a leggere i vari commenti che ho fatto passare vi renderete conto che più della metà sono commenti contrari a quanto scriviamo.


#4 – 25.10.2009 – Esortazione a studiare le sacre Scritture nella loro totalità

Tra le cose che taluni dicono e insegnano, una delle cose più DEVASTANTI e DANNOSE per la chiesa c’è quello del ‘NON GIUDICARE MAI PER NESSUNA RAGIONE‘, perché i falsi dottori, i falsi profeti e i cattivi operai non desiderano altro che essere creduti senza che le loro parole vengano messe in discussione e provate attraverso la Parola di Dio.

Un vero servitore di Dio non avrebbe problemi ad essere messo alla prova e che le sue parole vengano analizzate alla luce della Parola di Dio; mentre i falsi dottori, non hanno assolutamente piacere che le loro parole e i loro insegnamenti vengano passati per il fuoco della Parola di Dio.

Vedete quanti danni può provocare l’ignoranza della Parola di Dio!
In questo caso l’ignoranza apre la porta a tutti i falsi ministri e alle false dottrine, infatti, l’accettazione di tale insegnamento non permette ai fedeli di difendersi, ma devono assorbire ogni cosa che viene loro annunziato, ma Gesù non vuole questo, infatti ha detto: “badate dunque come ascoltate.

Ora vediamo alcuni passi che stanno scritti:
Gesù ha detto queste parole (Giovanni 7:24) “Non giudicate secondo l’apparenza, ma giudicate con giusto giudizio.”;

L’apostolo Paolo ha scritto: (1 Corinzi 6:2,3) “Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicar delle cose minime? Non sapete voi che giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare delle cose di questa vita!“;

E ancora Paolo scrive: (1 Corinzi 14:29) “Parlino due o tre profeti, e gli altri giudichino;“;

Gesù dice ancora: (Apocalisse 2:2) “Io conosco le tue opere e la tua fatica e la tua costanza e che non puoi sopportare i malvagi e hai messo alla prova quelli che si chiamano apostoli e non lo sono, e li hai trovati mendaci;“.

Alla luce dei passi sopracitati, la Parola di Dio ci insegna che i santi possono e devono GIUDICARE, solo che devono farlo con GIUSTO GIUDIZIO, non basandosi sull’apparenza.

Infatti sta anche scritto: (Matteo 7:1,3) “Non giudicate acciocché non siate giudicati; perché col giudicio col quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura onde misurate, sarà misurato a voi. E perché guardi tu il bruscolo che è nell’occhio del tuo fratello, mentre non iscorgi la trave che è nell’occhio tuo?

E ancora: (Romani 2:1,3) “Perciò, o uomo, chiunque tu sii che giudichi, sei inescusabile; poiché nel giudicare gli altri, tu condanni te stesso; poiché tu che giudichi, fai le medesime cose. …
E pensi tu, o uomo che giudichi quelli che fanno tali cose e le fai tu stesso, di scampare al giudizio di Dio?

Quindi, coloro che giudicano le false dottrine e le opere infruttuose delle tenebre, non devono commetterli a loro volta, altrimenti mentre si giudicano gli altri si sta condannando sè stessi, perché fanno le medesime cose che riprovano negli altri.

Per quanto riguarda la tolleranza, leggiamo cosa dice Gesù:
(Apocalisse 2:20) “Ma ho questo contro a te: che tu tolleri quella donna Jezabel, che si dice profetessa e insegna e seduce i miei servitori perché commettano fornicazione e mangino cose sacrificate agl’idoli.
Gesù era contro al pastore della chiesa di Tiatiri perché TOLLERAVA il peccato!


#3 – 05.09.2009 – ‘ATTENZIONE AGLI ANTITRINITARIANI’

Fratelli, ho avuto notizia che il fronte degli “antitrinitariani” sta avanzando nell’ambiente evangelico, ciò è dovuto al fatto che la dottrina della “Trinità” viene insegnata poco dagli anziani e pastori, e i semplici credenti non l’hanno ben compresa.

Diletti nel Signore, studiate tale dottrina, chi la deve insegnare la insegni, e ricordatevi che la dottrina della Trinità è una dottrina fondamentale per la salzezza e chi l’abbandona rimane vittima di una eresia di “perdizione”! Capite perché io voglio avvisarvi? Lo faccio per proteggere l’anima vostra dalla perdizione eterna, per amor vostro.

A voi, pastori e anziani che credete nella dottrina della trinità, insegnatela, fate degli scritti e consegnateli ai fratelli, fate loro studiare tale dottrina, costingeteli con studi biblici e altro, ma fatelo, per il bene dell’anima loro, se i santi che vi sono toccati in sorte vi stanno a cuore, insegnate la dottrina della Trinità che oggi, purtroppo, sta venendo meno.

E a voi, fratelli, dico, domandate ai vostri anziani perché non insegnano questa sana dottrina? Perché se non la insegnano e non ci tengono ad essa, vuol dire che anche loro in qualche maniera sono diventati “ANTITRINITARI”, e ciò è un pericolo gravissimo per l’anima vostra.

Io vi protesto oggi, che sono netto del vostro sangue! Io combatterò per la verità in tutti i luoghi e in tutte le maniere per la sana dottrina, ma voi, fratelli, cosa aspettate a levarvi in favore della verità? La messe è grande e gli operai sono pochi.

Eccovi uno studio esaudiente sulla dottrina della Trinità: La Trinità.

Studiatela fratelli, e ve ne troverete bene e potrete rispondere a tutti coloro che vogliono sedurvi a danno dell’anima vostra.


#2 – 25.08.2009

Fratelli, ricordatevi la storia del popolo d’Israele, che Dio ha tratto dal paese d’Egitto per mezzo del suo servitore Mosè, e attraversò il mar Rosso per “fede”.

Considerate, inoltre, che quella generazione non entrò nella Terra Promessa perchè venne meno nella fede.

Quindi, fratelli, non è importante solo annunziare l’evangelo affinché le anime vengano rigenerate da Dio, ma è altresì importante insegnare loro, durante tutto il percorso della vita cristiana, di perseverare nella fede e nelle buone opere sino alla fine.

Fratelli, vi supplico, nel nome del Signore Gesù Cristo, studiamoci di crescere nella conoscenza della Parola di Dio e perseverare nella preghiera, affinché quando il Signore Gesù tornerà, noi tutti non abbiamo a ritrarci pieni di vergogna.


#1
Fratelli, desidero che domandiate ad un contadino se la cosa più importante per ottenere un buon raccolto è solo quello di seminare?
Se voi avete un orto, cosa fate, seminate soltanto e poi lasciate tutto così?
La stessa cosa vale per il regno di Dio, è necessario prima evangelizzare, poi innaffiare, togliere le erbacce, proteggere le piantine dagli insetti e dagli animali, etc..
Guardatevi da quei cattivi operai che vogliono farvi credere che nel campo di Dio si deve “solo” evangelizzare!


Avviso ai commentatori!

– Ricordatevi che i commenti su questo blog sono moderati, cioè soggetti alla mia approvazione.
– Ricordatevi di inserire i vostri dati in modo verace, se questo punto non vi aggrada, andate a giocare a nascondino da un’altra parte.
– Non insultate, non contendete e dimostrate ogni cosa con le sacre Scritture.
– Mettete le vostre opinioni supportate dalla Parola di Dio, altrimenti, cosa se ne fanno i santi delle vostre opinioni?
– Intervenite nel dibattito affinchè ci sia un arricchimento, che non sia soltanto una difesa per partito preso del vostro predicatore o della vostra organizzazione.
– Non scrivete cose insensate, altrimenti i vostri commenti non li farò passare.
– Ricordatevi di entrare nel merito dell’argomento, attaccare chi scrive non serve a nulla e manifesta quanta incapacità e mancanza di conoscenza c’è in voi, perché non dimostrate il contrario con le Scritture.

Giuseppe Piredda

Annunci
7 commenti leave one →
  1. giuseppe briscuso permalink
    20 dicembre 2009 16:33

    Romani 2:1,3) “Perciò, o uomo, chiunque tu sii che giudichi, sei inescusabile; poiché nel giudicare gli altri, tu condanni te stesso; poiché tu che giudichi, fai le medesime cose. …
    E pensi tu, o uomo che giudichi quelli che fanno tali cose e le fai tu stesso, di scampare al giudizio di Dio?”

    Quindi, coloro che giudicano le false dottrine e le opere infruttuose delle tenebre, non devono commetterli a loro volta, altrimenti mentre si giudicano gli altri si sta condannando sè stessi, perché fanno le medesime cose che riprovano negli altri.

    credo che è quello che lei sta facendo giudicando tutto e tutti lei stesso è caduto nella più grande eresia di tutti i tempi la trinità.
    La dottrina più diabolica antibibblica anticristiana adottata al concilio di nicea dalla più antica organizzazzione anticristiana che uccise milioni di veri cristiani nell’arco di diciasette secoli che essa è nata, ed è la dottrina che hanno in comune tutte le false organizzazzioni che si stanno radunando nel grande ecumenismo facendo un’immaggine alla bestia,perseguitando chi ha la dottrina degli apostoli,perchè tutti i profeti è apostoli non insegnarono la trinità come il cattolicesimo e i suoi discendenti, ma la deità di gesù cristo e il vero battesimo nel nome di gesù cristo, IDDIO unico fattosi carne.

    Mi piace

  2. 21 dicembre 2009 21:18

    Sono veramente spiacente delle tue parole, soprattutto perché rigetti una parte importante della rivelazione che Dio ci ha lasciato attraverso la Parola di Dio, mi riferisco al fatto che sei antitrinitariano. Questa, purtroppo, è una eresia di perdizione, perchè si rinnegano due persone che compongono la divinità e non si accettano le opere da loro compiute.

    Vediamo qualche passo, che pare GLI ANTITRINITARIANI non leggano e non intendano.

    1) (Matteo 28:19) “Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo,…”
    Ora, quale tempo migliore per insegnare ai discepoli in quale nome bisognava battezzare? Ebbene Gesù ha ordinato di battezzare nel nome del padre, del figlio e dello Spirito santo
    (Andate a leggere uno studio sulla formula battesimale)

    2) (Giovanni 14:16) “E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore, perché stia con voi in perpetuo,…”
    Avete letto che Gesù prega il Padre per mandare UN ALTRO CONSOLATORE, questo ‘altro’ fa intendere che era un consolatore diverso da Gesù; infatti sta parlando dello Spirito santo. E badate bene, che lo Spirito santo è UNA PERSONA DIVERSA DA GESU’ E DAL PADRE. Infatti, leggete il passo che segue che lo dimostra ancora chiaramente.

    3) (Matteo 12:31,32) “Perciò io vi dico: Ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini; ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. Ed a chiunque parli contro il Figliuol dell’uomo, sarà perdonato; ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello a venire.”
    Come dice Gesù, la bestemmia contro il Figliolo di Dio, cioé Gesù, sarà perdonato, ma la bestemmia contro lo Spirito santo non sarà mai perdonato! Come si fa a dedurre che lo Spirito santo e Gesù Cristo siano la stessa persona? Tali parole di Gesù non avrebbero senso se fossero state le stesse persone. Se la differenza fosse solo in un titolo, sempre della medesima persona si tratta. Invece, Gesù, ha volutamente distinto la sua persona da quella dello Spirito santo, perché sono due persone distinte dell’UNICA DIVINITA’.

    4) (Giovanni 14:1) “Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me!”
    Vedete, fratelli, Gesù esorta i suoi discepoli ad avere fede in Dio (Dio Padre), ma li esorta anche ad avere fede anche in Lui (Dio Figlio). Se non fossero due persone distinte, neppure questo passo avrebbe senso. Ma il senso ce l’ha, ed è appunto quello di farci sapere che Gesù Cristo è una persona distinta dal Padre.

    5) (Matteo 3:16,17) “E Gesù, tosto che fu battezzato, salì fuor dell’acqua; ed ecco i cieli s’apersero, ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venir sopra lui. Ed ecco una voce dai cieli che disse: Questo è il mio diletto Figliuolo nel quale mi son compiaciuto.”
    In questo passo si legge che CONTEMPORANEAMENTE si sono manifestate le TRE PERSONE DELLA DIVINITA’. Da chi venne la voce dal cielo, se non da Dio Padre, perché Gesù era sulla terra! Poi Giovanni vide anche lo Spirito santo che ha preso forma di colomba. Dovete porre mente alla contemporaneità del fatto, che è importantissimo, perchè se fossero tre manifestazioni o titoli di quell’unico Dio, perché mostrarsi contemporaneamente? Ciò non avrebbe senso, ma evidentemente la Parola di Dio vuole insegnarci che le persone della divinità sono TRE PERSONE DISTINTE ED ESISTENTI CONTEMPORANEAMENTE.

    6) (Matteo 17:5) “Mentr’egli parlava ancora, ecco una nuvola luminosa li coperse della sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo.”
    Anche qui si fece una voce dal cielo, che proveniva dalla nuvola, mentre Gesù era sul monte. Ora, da chi proveniva la voce se non da Dio Padre? Leggete il prossimo passo, dove Pietro conferma quanto stiamo dicendo e chiarisce ogni dubbio sul fatto che la voce proveniva da Dio Padre, persona distinta da Gesù.

    7) (2 Pietro 1:17) “Poiché egli ricevette da Dio Padre onore e gloria quando giunse a lui quella voce dalla magnifica gloria: Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto.”
    Qui l’apostolo Pietro dice che GESU’ CRISTO ricevette gloria da Dio Padre. Riuscite a vedere e a capire ciò che è scritto chiaramente? Pietro dice che Dio Padre ha dato gloria a Gesù, quella voce che si udì dalla nuvola proveniva dal PADRE CELESTE, mentre Gesù era sul monte.
    Ebbene, travisare questi passi significa non avere il benché minimo intendimento, e tale travisamento è grave, perchè annullare la dottrina della TRINITA significa non riconoscere DUE PERSONE DELLA DIVINITA’ e si disconosce le loro opere.
    Infatti, noi sappiamo che nella salvezza dell’uomo partecipano tutte e tre le persone della divinità: Dio Padre attira gli uomini a GESU’; lo Spirito santo li compunge di peccato e li convince quanto alla giustizia e al giudizio; Gesù Cristo è morto e risuscitato per la purificazione dei peccati. Vedete, dunque, che la dottrina della Trinità non può essere trascurata.

    8 ) (Luca 22:41,42) “Ed egli si staccò da loro circa un tiro di sasso; e postosi in ginocchio pregava, dicendo: Padre, se tu vuoi, allontana da me questo calice! Però, non la mia volontà, ma la tua sia fatta.”
    Avete letto, fratelli, qui Gesù prega innanzitutto il Padre e poi gli chiede di allontanare da lui il calice della morte, ma poi dice anche che non sia fatta la sua volontà, cioé quella di Gesù, ma quella del Padre. Quindi ci sono DUE VOLONTA’ distinte, perchè ci sono anche due persone distinte nella divinità, e con lo Spirito santo sono TRE. Iddio è UNO E TRINO CONTEMPORANEAMENTE!
    Tutto ciò non avrebbe un senso se il Padre e Gesù fossero due manifestazioni di una stessa persona. Dio Padre è una persona e Gesù Cristo è un’altra persona distinta. Per quale motivo Gesù avrebbe detto: “non la mia volontà, ma la tua sia fatta!”, se lui stesso sarebbe stato il Padre? Ciò ha un senso, ed è quello che Dio Padre è una persona distinta da Gesù.

    9) (Atti 7:55,56) “Ma egli, essendo pieno dello Spirito Santo, fissati gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio, e disse: Ecco, io vedo i cieli aperti, e il Figliuol dell’uomo in piè alla destra di Dio.”
    Qui abbiamo letto che Stefano, ripieno di Spirito santo, vide i cieli aperti e vide Gesù in piedi alla destra di Dio Padre.
    Ma come si fa a non comprendere queste parole, mi domando, come si fa ad essere così ciechi! Più leggo questi passi e più rimango sbalordito dalla ignoranza ed anche della MALAFEDE che manifestano GLI ANTITRINITARIANI. Rispondete, ANTITRINITARIANI, a questa domanda: Stefano era ripieno di Spirito santo, i cieli si sono aperti ed ha visto Gesù in piedi che era alla destra di Dio Padre. Stefano si è forse sbagliato? Se non si è sbagliato, perché voi non lo credete?
    Le Scritture parlano così chiaramente, che non ci si può sbagliare. Possiamo non comprendere umanamente come si possano avere TRE PERSONE e UN DIO SOLO, ma questo è dovuto al fatto che noi conosciamo in parte, ma dobbiamo fidarci di quanto è scritto e credere.
    La Parola di Dio non deve essere distorta in alcuna maniera.

    10) (1 Corinzi 11:3) “Ma io voglio che sappiate che il capo d’ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio.”
    Vedete l’ordine delle cose che è stato stabilito: La donna è sottoposta all’uomo; l’uomo è sottoposto a Cristo Gesù; Gesù è sottoposto a Dio Padre. mi sembra così chiaro anche questo passo da non esserci la necessità di ulteriori spiegazioni.

    11) (1 Corinzi 15:27) “Difatti, Iddio ha posto ogni cosa sotto i piedi di esso; ma quando dice che ogni cosa gli è sottoposta, è chiaro che Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, ne è eccettuato.”
    Vedete cosa dice Paolo; egli afferma che Dio ha posto sotto i piedi del suo Figliolo Gesù OGNI COSA, con una eccezione: Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, che è Dio Padre, ne è eccettuato, cioè non è sottoposto a Gesù.

    12) (Salmo 45:7) “Perciò Iddio, l’Iddio tuo, ti ha unto d’olio di letizia a preferenza de’ tuoi colleghi.”
    Vedete, anche qui, il salmista dice che Iddio è stato unto dall’Iddio. Infatti Cristo significa unto, e Gesù, il Cristo, è stato unto appunto da Dio Padre.

    13) (Matteo 22:44) “Il Signore ha detto al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io abbia posto i tuoi nemici sotto i tuoi piedi?”
    Questo passo si ricollega bene al passo citato sopra, di Stefano, che vide Gesù alla destra di Dio Padre. E poi si allaccia anche al passo di Paolo dove dice che Dio ha messo ogni cosa sotto i piedi di Gesù, eccezion fatta per Colui che gli ha sottoposto ogni cosa.

    Fratelli, per ora può bastare, dovete credere che I TRE SONO UNO, questa è la sana dottrina su Dio che bisogna credere ed accettare.
    Inoltre, fratelli, vi faccio sapere che se qualcuno è stato battezzato solo nel nome di Gesù, sappia quel tale che ha trasgredito il comandamento di Gesù ed ha volontariamente rifiutato le altre due persone della DIVINITA’, quindi, incorrerà nel giudizio di Dio.

    Ravvedetevi e credete nella sana dottrina che è scritta nella Bibbia, non fatevi fuorviare da nessuno. Inoltre, sappiate che se vi ravvedete e credete nella sana dottrina dei TRE SONO UNO, dovete farvi battezzare di nuovo NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO.
    Leggete il mio scritto sulla formula battesimale.

    Leggete anche lo scritto sulla trinità del fratello Giacinto Butindaro.

    Leggete anche la confutazione a TUTTE LE ERESIE dei Gesù Solo e degli antitrinitariani in genere, che sono tante e tutte pericolose per le anime di coloro che le hanno accettate.

    Mi piace

  3. 22 dicembre 2009 23:45

    MI perdoni, ma quello che dobbiamo leggere non è il suo ragionamento sulle formule battesimali, ma il comandamento della parola divina dove categoricamente insegna ravvedetevi è siate battezzati nel nome di Gesù Cristo in remissione dei peccati,e voi riceverete il dono dello Spirito Santo. ( ATTI:2,38 )QUESTO è IL NOME del padre figlio e spirito santo. non capisco tutti questi ragionamenti confutazioni giudizi in un semplice comandamento che adempie ciò che disse Gesù (matt. 28: 19 ).se lei è padre,marito, figlio, zio, nonno,il suo nome è sempre uno,non è che lei diventa una quadruplicità di persone.quindi che i tre sono uno io lo credo,ma i tre sono titoli , qualità,attributi, non persone,spezzare Dio in tre pezzi, è paganesimo,tutta la parola di Dio parla di un unico Dio.ELOHIM (DIO)NEL V.T.RICORRE 2312 VOLTE, JEHOVAH(eterno) RICORRE 6499 VOLTE, NEL N.T.centinaia di attributi di Gesù ci parlano del solo è unico DIO ES:ALFA è OMEGA(AP:1,11)(ap 22:13),AMEN (ap:3,14),AUTORE DELLA VITA (AT:3,15 ),BUON PASTORE GIOV.10:11,CAPO SOPRA OGNI COSA EF:1,22, CONSIGLIERE AMMIRABILE IS.:9,6, DIO GIOV:1,1 DIO CON NOI MATT:1,23 PADRE ETERNO IS:9,5 GRANDE DIO è SALVATORE TITO:2,13 GIUDICE DEI VIVI è DEI MORTI ATTI: 10 42,ECC ECC. ORA VEDETE CHE IO SOLO SONO DIO E CHE NON VE ALTRO DIO ACCANTO A ME. (DEU:32,39) IO SONO IL PRIMO E SONO L’ULTIMO ALL’INFUORI DI ME NON C’E DIO,(IS:44,6).QUANTO A NOI ABBIAMO UN SOLO IDDIO (1 COR:8,6). COSI INSEGNA LA BIBBIA LA VERA BUONA STRADA.

    Mi piace

  4. 23 dicembre 2009 01:16

    Mi scusi ma evidentemente non legge con attenzione quello che è scritto nella Bibbia. Lo so che l’hanno ammaestrata in quella maniera, errata, ma la Bibbia deve prima di tutto comprenderla in italiano e poi penserà agli originali e al numero di volte che certe parole vengono citate. Tutte cose queste che servono per gettare il fumo negli occhi a chi non conosce bene le sacre Scritture.

    Rifletta su due passi, perchè lei non l’ha fatto, ma lo deve fare, altrimenti è un uomo solo contenzioso, e si sa, i servi di Dio non devono contendere.
    (2 Pietro 1:17) “Poiché egli ricevette da Dio Padre onore e gloria quando giunse a lui quella voce dalla magnifica gloria: Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto.”
    In questo passo si legge che Gesù ricevette GLORIA da Dio Padre, Pietro era presente quel giorno e lo ha scritto quello che è successo, si sentì una voce che proveniva dalla nuvola che disse quelle parole rivolte a Gesù che era sul monte.
    Non si tratta per nulla di titoli o di altro, ma solo che Dio Padre ha parlato dalla nuvola e ha dato gloria al Figlio, a Gesù Cristo.

    E ancora:
    “Ma egli, essendo pieno dello Spirito Santo, fissati gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio, e disse: Ecco, io vedo i cieli aperti, e il Figliuol dell’uomo in piè alla destra di Dio.” (Atti 7:55,56)
    Qui addirittura Stefano ha visto i cieli aperti e Gesù in piedi ALLA DESTRA DI DIO. Più chiaro di così! Dove sono i titoli, i nomi e altro, qui si tratta di realtà delle cose.
    Vi deve entrare bene in mente e nel cuore, STEFANO HA VISTO GESU’ CHE ERA IN PIEDI ALLA DESTRA DI DIO. Di quale titolo stava parlando?
    Stefano vide tale cosa.

    Mi dispiace ma voi errate grandemente, e la cattiva notizia è che non credendo alle persone della DIVINITA’ e alla loro opera voi le rigettate e siete rei di una grave ERESIA.

    Poi tutti gli altri passi che vi ho citato? Nessuno di essi parla di titoli, quelli ve li siete inventati voi, per ingannare i semplici, ma la Bibbia non parla assolutamente di titoli ma di persone che hanno una loro volontà propria.

    Voi dei Gesù solo non errate solo sulla trinità, ma anche per quanto riguarda la nuova nascita e tante altre cose, che potete leggere nel link che vi ho messo nel commento precedente.

    Voi dovete leggere, prima di parlare e dire delle cose piene di numeri che non hanno alcun senso, voi dovete rispondere a voi stessi e chiedervi: ma cosa vide Stefano?

    Io lo so che voi siete contenziosi, e dopo questo commento o mostrate di fare dei progressi o altrimenti non aspettatevi altre risposte, perché non ho tempo da perdere con i contenziosi.

    Mi piace

  5. Roberto_Penna permalink
    13 settembre 2010 01:01

    Come si può credere in una divinità – quella dell’antico testamento – che commissiona al suo popolo prediletto il compito di votar allo sterminio uomini, donne e persino bambini? Mi dispiace, ma , da ateo quale sono, non potrò mai supportare le barbarie promosse a vele spiegate dalla vostra divinità. Quale giustificazione potrà mai esserci alla base di simili ordini? Risiedono forse nel fatto di estirpare il male dal popolo eletto? Od in quello di conservar la purezza del culto di Dio? Mi paiono blande motivazioni, queste.
    In tutta onestà, e mi si permetta di muover questa critica, scorgo un velo d’ipocrisia in cristiani ed ebrei, quando levan echi di condanna alla lapidazione, pena prescritta nei cosiddetti testi sacri.

    E’ questo ciò che il vostro Dio approva? A giudicare da quel che ho letto nel pentateuco, direi proprio di sì… o forse i passi biblici con riferimenti a lapidazioni e sterminii, vanno interpretati sulla base di chiavi di lettura figurate e/o metaforiche?

    Genesi 26:11 Abimèlech diede quest’ordine a tutto il popolo: «Chi tocca questo uomo o la sua moglie sarà messo a morte!».

    Genesi 44:9 Quello dei tuoi servi, presso il quale si troverà, sarà messo a morte e anche noi diventeremo schiavi del mio signore».

    Esodo 19:12 Fisserai per il popolo un limite tutto attorno, dicendo: Guardatevi dal salire sul monte e dal toccare le falde. Chiunque toccherà il monte sarà messo a morte.

    Esodo 19:13 Nessuna mano però dovrà toccare costui: dovrà essere lapidato o colpito con tiro di arco.

    Animale o uomo non dovrà sopravvivere.

    Quando suonerà il corno, allora soltanto essi potranno salire sul monte».

    Esodo 21:12 Colui che colpisce un uomo causandone la morte, sarà messo a morte.

    Esodo 21:14 Ma, quando un uomo attenta al suo prossimo per ucciderlo con inganno, allora lo strapperai anche dal mio altare, perché sia messo a morte.

    Esodo 21:15 Colui che percuote suo padre o sua madre sarà messo a morte.

    Esodo 21:16 Colui che rapisce un uomo e lo vende, se lo si trova ancora in mano a lui, sarà messo a morte.

    Esodo 21:17 Colui che maledice suo padre o sua madre sarà messo a morte.

    Esodo 21:29 Ma se il bue era solito cozzare con le corna già prima e il padrone era stato avvisato e non lo aveva custodito, se ha causato la morte di un uomo o di una donna, il bue sarà lapidato e anche il suo padrone dev’essere messo a morte.

    Esodo 21:28 Quando un bue cozza con le corna contro un uomo o una donna e ne segue la morte, il bue sarà lapidato e non se ne mangerà la carne. Però il proprietario del bue è innocente.

    Esodo 21:29 Ma se il bue era solito cozzare con le corna già prima e il padrone era stato avvisato e non lo aveva custodito, se ha causato la morte di un uomo o di una donna, il bue sarà lapidato e anche il suo padrone dev’essere messo a morte.

    Esodo 21:32 Se il bue colpisce con le corna uno schiavo o una schiava, si pagheranno al padrone trenta sicli d’argento e il bue sarà lapidato.

    Esodo 22:18 Chiunque si abbrutisce con una bestia sia messo a morte.

    Esodo 31:14 Osserverete dunque il sabato, perché lo dovete ritenere santo. Chi lo profanerà sarà messo a morte; chiunque in quel giorno farà qualche lavoro, sarà eliminato dal suo popolo.

    Esodo 31:15 Durante sei giorni si lavori, ma il settimo giorno vi sarà riposo assoluto, sacro al Signore. Chiunque farà un lavoro di sabato sarà messo a morte.

    Esodo 35:2 Per sei giorni si lavorerà, ma il settimo sarà per voi un giorno santo, un giorno di riposo assoluto, sacro al Signore. Chiunque in quel giorno farà qualche lavoro sarà messo a morte.

    Levitico 20:2 «Dirai agli Israeliti: Chiunque tra gli Israeliti o tra i forestieri che soggiornano in Israele darà qualcuno dei suoi figli a Moloch, dovrà essere messo a morte; il popolo del paese lo lapiderà.

    Levitico 20:9 Chiunque maltratta suo padre o sua madre dovrà essere messo a morte; ha maltrattato suo padre o sua madre: il suo sangue ricadrà su di lui.

    Levitico 20:15 L’uomo che si abbrutisce con una bestia dovrà essere messo a morte; dovrete uccidere anche la bestia.

    Levitico 24:16 Chi bestemmia il nome del Signore dovrà essere messo a morte: tutta la comunità lo dovrà lapidare. Straniero o nativo del paese, se ha bestemmiato il nome del Signore, sarà messo a morte.

    Levitico 24:17 Chi percuote a morte un uomo dovrà essere messo a morte.

    Levitico 24:21 Chi uccide un capo di bestiame lo pagherà; ma chi uccide un uomo sarà messo a morte.

    Numeri 1:51 Quando la Dimora dovrà partire, i leviti la smonteranno; quando la Dimora dovrà accamparsi in qualche luogo, i leviti la erigeranno; ogni estraneo che si avvicinerà sarà messo a morte.

    Numeri 3:10 Tu stabilirai Aronne e i suoi figli, perché custodiscano le funzioni del loro sacerdozio; l’estraneo che vi si accosterà sarà messo a morte».

    Numeri 3:38 Sul davanti della Dimora a oriente, di fronte alla tenda del convegno, verso levante, avevano il campo Mosè, Aronne e i suoi figli; essi avevano la custodia del santuario invece degli Israeliti; l’estraneo che vi si avvicinava sarebbe stato messo a morte.

    Numeri 15:35 Il Signore disse a Mosè: «Quell’uomo deve essere messo a morte; tutta la comunità lo lapiderà fuori dell’accampamento».

    Numeri 15:36 Tutta la comunità lo condusse fuori dell’accampamento e lo lapidò; quegli morì secondo il comando che il Signore aveva dato a Mosè.

    Numeri 18:7 Tu e i tuoi figli con te eserciterete il vostro sacerdozio per quanto riguarda l’altare ciò che è oltre il velo; compirete il vostro ministero. Io vi dò l’esercizio del sacerdozio come un dono; l’estraneo che si accosterà sarà messo a morte».

    Numeri 35:12 Queste città vi serviranno di asilo contro il vendicatore del sangue, perché l’omicida non sia messo a morte prima di comparire in giudizio dinanzi alla comunità.

    Numeri 35:16 Ma se uno colpisce un altro con uno strumento di ferro e quegli muore, quel tale è omicida; l’omicida dovrà essere messo a morte.

    Numeri 35:17 Se lo colpisce con una pietra che aveva in mano, atta a causare la morte, e il colpito muore, quel tale è un omicida; l’omicida dovrà essere messo a morte.

    Numeri 35:18 O se lo colpisce con uno strumento di legno che aveva in mano, atto a causare la morte, e il colpito muore, quel tale è un omicida; l’omicida dovrà essere messo a morte.

    Numeri 35:21 o lo colpisce per inimicizia con la mano, e quegli muore, chi ha colpito dovrà essere messo a morte; egli è un omicida e il vendicatore del sangue ucciderà l’omicida quando lo incontrerà.

    Numeri 35:30 Se uno uccide un altro, l’omicida sarà messo a morte in seguito a deposizione di testimoni, ma un unico testimone non basterà per condannare a morte una persona.

    Numeri 35:31 Non accetterete prezzo di riscatto per la vita di un omicida, reo di morte, perché dovrà essere messo a morte.

    Deuteronomio 13:6 Quanto a quel profeta o a quel sognatore, egli dovrà essere messo a morte, perché ha proposto l’apostasia dal Signore, dal vostro Dio, che vi ha fatti uscire dal paese di Egitto e vi ha riscattati dalla condizione servile, per trascinarti fuori della via per la quale il Signore tuo Dio ti ha ordinato di camminare. Così estirperai il male da te.

    Deuteronomio 17:6 Colui che dovrà morire sarà messo a morte sulla deposizione di due o di tre testimoni; non potrà essere messo a morte sulla deposizione di un solo testimonio.

    Deuteronomio 17:12 L’uomo che si comporterà con presunzione e non obbedirà al sacerdote che sta là per servire il Signore tuo Dio o al giudice, quell’uomo dovrà morire; così toglierai il male da Israele;

    Deuteronomio 18:20 Ma il profeta che avrà la presunzione di dire in mio nome una cosa che io non gli ho comandato di dire, o che parlerà in nome di altri dèi, quel profeta dovrà morire.

    Deuteronomio 19:12 gli anziani della sua città lo manderanno a prendere di là e lo consegneranno nelle mani del vendicatore del sangue perché sia messo a morte.

    Deuteronomio 21:22 Se un uomo avrà commesso un delitto degno di morte e tu l’avrai messo a morte e appeso a un albero,

    Deuteronomio 22:25 Ma se l’uomo trova per i campi la fanciulla fidanzata e facendole violenza pecca con lei, allora dovrà morire soltanto l’uomo che ha peccato con lei;

    Deuteronomio 24:7 Quando si troverà un uomo che abbia rapito qualcuno dei suoi fratelli tra gli Israeliti, l’abbia sfruttato come schiavo o l’abbia venduto, quel ladro sarà messo a morte; così estirperai il male da te.

    Deuteronomio 24:16 Non si metteranno a morte i padri per una colpa dei figli, né si metteranno a morte i figli per una colpa dei padri; ognuno sarà messo a morte per il proprio peccato.

    Giosuè 1:18 Chiunque disprezzerà i tuoi ordini e non obbedirà alle tue parole in quanto ci comanderai, sarà messo a morte. Solo, sii forte e coraggioso».

    Giosuè 7:25 Giosuè disse: «Come tu hai portato sventura a noi, così il Signore oggi la porti a te!». Tutto Israele lo lapidò, li bruciarono tutti e li uccisero tutti a sassate.

    Giosuè 11:21 In quel tempo Giosuè si mosse per eliminare gli Anakiti dalle montagne, da Ebron, da Debir, da Anab, da tutte le montagne di Giuda e da tutte le montagne di Israele. Giosuè li votò allo sterminio con le loro città.

    Giudici 6:30 Allora la gente della città disse a Ioas: «Conduci fuori tuo figlio e sia messo a morte, perché ha demolito l’altare di Baal e ha tagliato il palo sacro che gli stava accanto».

    Giudici 6:31 Ioas rispose a quanti insorgevano contro di lui: «Volete difendere voi la causa di Baal e venirgli in aiuto? Chi vorrà difendere la sua causa sarà messo a morte prima di domattina; se è Dio, difenda da sé la sua causa, per il fatto che hanno demolito il suo altare».

    Giudici 21:5 Poi gli Israeliti dissero: «Chi è fra tutte le tribù d’Israele, che non sia venuto all’assemblea davanti al Signore?». Perché c’era stato questo grande giuramento contro chi non fosse venuto alla presenza del Signore a Mizpa: «Sarà messo a morte».

    1Samuele 11:12 Il popolo allora disse a Samuele: «Chi ha detto: Dovrà forse regnare Saul su di noi? Consegnaci costoro e li faremo morire».

    1Samuele 14:45 Ma il popolo disse a Saul: «Dovrà forse morire Giònata che ha ottenuto questa grande vittoria in Israele? Non sia mai! Per la vita del Signore, non cadrà a terra un capello del suo capo, perché in questo giorno egli ha agito con Dio». Così il popolo salvò Giònata che non fu messo a morte.

    1Samuele 15:3 Và dunque e colpisci Amalek e vota allo sterminio quanto gli appartiene, non lasciarti prendere da compassione per lui, ma uccidi uomini e donne, bambini e lattanti, buoi e pecore, cammelli e asini».

    2Samuele 12:14 Tuttavia, poiché in questa cosa tu hai insultato il Signore (l’insulto sia sui nemici suoi), il figlio che ti è nato dovrà morire». Natan tornò a casa.

    2Samuele 19:22 Ma Abisài figlio di Zeruià, disse: «Non dovrà forse essere messo a morte Simeì perché ha maledetto il consacrato del Signore?».

    2Re 6:22 Quegli rispose: «Non ucciderli. Forse uccidi uno che hai fatto prigioniero con la spada e con l’arco? Piuttosto metti davanti a loro pane e acqua; mangino e bevano, poi se ne vadano dal loro padrone».

    2Re 11:2 Ma Ioseba, figlia del re Ioram e sorella di Acazia, sottrasse Ioas figlio di Acazia dal gruppo dei figli del re destinati alla morte e lo portò con la nutrice nella camera dei letti; lo nascose così ad Atalia ed egli non fu messo a morte.

    Tobia 1:19 Ma un cittadino di Ninive andò ad informare il re che io li seppellivo di nascosto. Quando seppi che il re conosceva il fatto e che mi si cercava per essere messo a morte, colto da paura, mi diedi alla fuga.

    Mi piace

  6. 13 settembre 2010 12:21

    Pace a te ateo,
    trovo tanto strano che un ateo si interessi tanto di ciò che “non” gli interessa.
    Io per esempio, non mi interesso di certe cose e non le leggo e non faccio discorsi nè dico agli altri nessuna cosa a favvore di ciò o contro, perchè non sono interessato.
    Cosa voglio dire con ciò, semplicemente che non sei poi così tanto ateo come dici di essere, perché dentro di te senti quel vuoto che ti tormenta e non ti fa vivere liberamente come vorresti. E’ Dio che ti sta chiamando a sè!
    Quale Dio ti domanderesti tu?
    Questo che ha detto queste cose:
    “A chi ti percuote su una guancia, porgigli anche l’altra; e a chi ti toglie il mantello non impedire di prenderti anche la tunica.
    Da’ a chiunque ti chiede; e a chi ti toglie il tuo, non glielo ridomandare.
    E come volete che gli uomini facciano a voi, fate voi pure a loro.
    E se amate quelli che vi amano, qual grazia ve ne viene? poiché anche i peccatori amano quelli che li amano.
    E se fate del bene a quelli che vi fanno del bene, qual grazia ve ne viene? anche i peccatori fanno lo stesso.
    E se prestate a quelli dai quali sperate ricevere, qual grazia ne avete? Anche i peccatori prestano ai peccatori per riceverne altrettanto.
    Ma amate i vostri nemici, e fate del bene e prestate senza sperarne alcun che, e il vostro premio sarà grande e sarete figliuoli dell’Altissimo; poich’Egli è benigno verso gl’ingrati e malvagi.
    Siate misericordiosi com’è misericordioso il Padre vostro.” (Luca 6:29-36)

    Questo è il nostro Dio, l’Iddio e padre di Cristo Gesù.

    Tu hai citato una parte incompleta della rivelazione di Dio, tu devi leggere il nuovo testamento se vuoi toccare con mano il cristianesimo, la via della salvezza, perché quello che hai citato era la parte che non era completa e che non portava alla perfezione, che comunque doveva esserci per farci comprendere che quella non è la via da seguire.

    Porgere l’altra guancia, amare anche i nemici, ecco, questa è la via, questo è il cristianesimo, questa è la via della salvezza.

    Scusami, ma se sei ateo non prenderti briga di girar per siti e blog che parlano di Dio, perchè il tuo comportamento contraddice ciò che dici.

    Io credo che tu sia solo alla ricerca della verità. La verità è una persona, è Gesù Cristo, Egli è la via, la verità e la vita, nessuno può avere una vita felice e piena senza conoscere lui, che è la salvezza di ognuno che crede.

    Quindi, hai solo due cose da fare, o dichiarare di essere ateo, e non girar più per siti e blog cristiani e religiosi; o devi dichiarare di essere alla ricerca della verità, e in questo ci sarebbe coerenza tra le tue parole e le tue opere.
    Pace a te e che Dio ti dia prima di tutto di avere le idee chiare e di comprendere i tuoi sentimenti a riguardo della religione, poi ti dia la pace e la serenità nel profondo del cuore, trovando la verità, che è GESU’ CRISTO!

    Mi piace

  7. Ciro Peluso permalink
    16 settembre 2015 05:27

    Quelli che si definiscono “atei” (parola astratta, perchè il vero ateo non esiste, come giustamente faceva capire il fratello Giuseppe) citano alcuni passi stralciandoli dal contesto della Bibbia, come del resto fanno gli “antitrinitari” o gli oppositori di tutte le verità bibliche. Da una attenta lettura dell’ antico testamento si capisce che Dio, oltre ad essere misericordioso e pietoso, lento all’ira, ricco in bontà e fedeltà (Esodo 34:6), è anche un giusto giudice che punisce le iniquità (Esodo 20:5). Credo che l’amico che si definisce ateo voglia essere il primo, non soltanto a lapidare, ma anche a torturare chi per esempio maltratta i bambini, chi sfrutta le persone e li schiavizza… Il fatto è che Dio ha dimostrato la sua misericordia in quanto, mentre eravamo tutti da condannare perchè tutti abbiamo il male dentro di noi (perché a differenza nosta Egli può conoscere anche i nostri pensieri) invece di distruggere tutta l’umanità, avendone tutto il diritto di farlo, ha mandato il suo Figliuolo che ha dato prima la vita largendo la sua bontà, la sua disponibilità, il suo amore, e poi si è sacrificato dando la sua vita sulla croce. Questo gli “atei” non lo considerano. Fermatevi un momento e invece di perdere tempo ad andare a cercare versetti nella Bibbia che, secondo voi, vi darebbero ragione, prostratevi con la faccia a terra e confessate proprio a quel Dio che dite che non esiste i vostri peccati. Io ringrazio Dio che non mi ha distrutto ancora ma mi ha dato la possibilità di salvarmi per godere del suo Regno dove finalmente potrò godere della sua giustizia dimenticandomi di tutta la malvagità che c’è oggi nel mondo proprio perchè gli uomini hanno rigettato Dio! Ciro Peluso da Napoli.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: