Vai al contenuto

Aspettiamo i nuovi cieli e la nuova terra

23 giugno 2019

Aspettiamo i nuovi cieli e la nuova terra

Cari nel Signore, tra le altre, eccovi una promessa che Dio ha fatto ai suoi figlioli:

«Ma, secondo la sua promessa, noi aspettiamo nuovi cieli e nuova terra, ne’ quali abiti la giustizia» (2 Pietro 3:13)

Avverrà che alla fine del millennio, questi cieli che vediamo si ritireranno e la terra verrà distrutta, per lasciare spazio a nuovi cieli e nuova terra, secondo quanto ha detto Giovanni nel libro della Rivelazione:

«Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il primo cielo e la prima terra erano passati, e il mare non era più» (Apocalisse 21:1)

Dunque, fratelli nel Signore, noi aspettiamo che Dio compia ciò che ha promessa e senza ombra di dubbio Egli farà ciò che ha detto. Badate bene che la Parola di Dio parla di NUOVA terra e del fatto che questa che noi oggi vediamo e conosciamo sarà distrutta col fuoco. Le Scritture ci dicono che sulla nuova terra scenderà e si poggerà la Nuova Gerusalemme.

Purtroppo anche su queste cose che sono semplici e chiare da capire ci sono taluni che errano e si mettono ad insegnare che questa terra non sarà distrutta, ma restaurata, addirittura lo sarà per la seconda volta (cd Gap Theory). Ciò che insegnano costoro non corrisponde a quanto è insegnato nelle sacre Scritture, anche perché stanno scritte queste parole:

«Poiché noi siamo stati salvati in isperanza. Or la speranza di quel che si vede, non è speranza; difatti, quello che uno vede, perché lo spererebbe egli ancora?» (Romani 8:24)

Dunque, la nostra speranza sono il nuovo cielo e la nuova terra che non vediamo oggi, che Dio ha promesso di creare quando il primo cielo e la terra saranno distrutte. Leggi tutto…

Annunci

Per le sorelle

22 giugno 2019

Per le sorelle

Sorelle, vi esorto a non imitare le tante donne di cui sono piene le denominazioni evangeliche che insegnano, in quanto alla donna non è permesso di insegnare. Non imitatele neppure come si vestono in quanto non si vestono nella maniera in cui comanda di fare la Parola di Dio. Imparate in silenzio con ogni sottomissione e vestitevi con verecondia e modestia. Santificatevi con modestia. Dio vuole infatti che voi vi santifichiate (cfr. 1 Timoteo 2:9-15). Leggi tutto…

Molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti

17 giugno 2019

Molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti

Gesù, dopo aver parlato ai discepoli della parabola delle nozze, dice queste parole:

«Poiché molti son chiamati, ma pochi eletti.» (Matteo 22:14)

Ho potuto constatare che sono molti i credenti che non hanno inteso correttamente tale passo, in particolare non hanno inteso quale sia il significato della parola “CHIAMATI” in quel passo. Tale passo è semplice, tuttavia, essendoci la parola ELETTI, fa un chiaro riferimento alla predestinazione, all’elezione di Dio, cosa che fino a qualche anno fa era una dottrina completamente sconosciuta a molti, e da altri fortemente avversata, nonché nascosta nelle prediche; per nasconderla hanno dovuto mettere confusione nella mente dei santi su quei passi che parlano della predestinazione in maniera molto chiara, tra i quali non è sfuggito a tale opera neppure il passo che abbiamo preso in esame sopracitato.

Per capire quel passaggio biblico è necessario capire la parabola che poco prima è stata raccontata da Gesù, che vi riassumo brevemente.

Il re (IL PADRE) manda i suoi servitori a chiamare gl’invitati alle nozze del suo Figliolo (Gesù Cristo). I primi invitati che si rifiutano di andare alle nozze, i quali raffigurano il popolo di Israele, che si sono RIFIUTATI di partecipare alle nozze. In seguito a ciò, il Re manda a chiamare quelli delle strade (NOI GENTILI); questi, a differenza del popolo di Israele, riempiono la sala nuziale.

Quindi, sono stati MOLTI QUELLI che sono stati CHIAMATI a partecipare alle nozze, sono molti quelli che sono stati chiamati A RAVVEDIMENTO, affinché fossero salvati e partecipassero alle nozze dell’Agnello; ma quelli che hanno risposto alla CHIAMATA affermativamente, sono stati un numero INFERIORE a quello dei CHIAMATI complessivi.

Ecco, quindi, possiamo dire a seguito di quanto si comprende da tale parabola, che MOLTI in ogni epoca sono i chiamati a ravvedimento, attraverso l’Evangelizzazione, ma POCHI sono quelli che rispondono affermativamente a tale chiamata. C’è da non dimenticarsi mai che alla chiamata rispondono solo gli ELETTI, cioè quelli che sono scritti nel libro della vita prima della fondazione del mondo.

Gli eletti, quindi, sono quelli che Dio ha decretato di salvare, secondo il beneplacito della sua volontà, perché solo da Lui dipende l’essere salvati.

Infatti, l’apostolo Paolo quando ha annunziato l’Evangelo nella sinagoga di Antiochia di Pisidia, ed ha esortato gli ascoltatori a ravvedersi per essere salvati, dai MOLTI che hanno ascoltato e sono stati CHIAMATI a ravvedimento, solo una parte si sono convertiti e sono stati salvati, cioè solo gli eletti, solo quelli il cui nome è scritto nel libro della vita, secondo quanto ha rapportato Luca:

«E i Gentili, udendo queste cose, si rallegravano e glorificavano la parola di Dio; e tutti QUELLI che erano ORDINATI A VITA ETERNA, credettero.» (Atti 13:48)

Da quel passo si capisce che quelli che non ERANO ordinati a vita eterna non accettarono la CHIAMATA a ravvedimento che fu loro rivolta da Paolo, ma l’accettarono solo gli eletti. Badate bene che TUTTI, sia coloro che credettero che quelli che non credettero, furono CHIAMATI a ravvedimento.

Eccovi, quindi, spiegato cosa significhi che MOLTI SONO I CHIAMATI MA POCHI GLI ELETTI. Questo passo, ribadisco, non vi è stato spiegato correttamente dai vostri predicatori solo perché fa riferimento alla predestinazione, ed essi, AVVERSANDO tale dottrina, non potevano spiegarvelo nella maniera corretta e si sono messi a insegnare cose insensate che vi hanno fatto deviare dalla verità. Purtroppo, di cose simili i predicatori delle comunità statalizzate e organizzate, ne insegnano molte, tutte volte ad annullare il vero significato della Parola di Dio scritta. Sono certo che se vi hanno insegnato menzogne su quel passo, ve ne hanno insegnato tante altre false e dannose per le anime vostre.

Cari nel Signore, badate dunque come ascoltate. Nessuno vi seduca con vani ragionamenti. Leggi tutto…

Arrestato il falso apostolo Naasón Joaquín García

9 giugno 2019

Arrestato il falso apostolo Naasón Joaquín García

Il falso apostolo Naasón Joaquín García, che è a capo della La Luz del Mundo (La Luce del Mondo) – da cui vi avevo messo in guardia nel 2011 – una «Chiesa» di matrice pentecostale con il suo quartiere generale in Messico ma con rami negli USA per oltre un milione di seguaci, è stato arrestato Lunedì dopo essere atterrato all’aeroporto di Los Angeles. E’ accusato di tratta di esseri umani e di avere abusato sessualmente di minori. Noi vi stiamo avvertendo ormai da molti anni dai tanti falsi apostoli che sono sorti, e che si spacciano per apostoli di Cristo. Hanno creato degli imperi sulla terra, delle sette che presentano come Chiese. Sono nemici della croce di Cristo, il loro dio è il ventre, la loro gloria in quel che torna a loro vergogna, e la loro fine la perdizione. Guardatevi da essi.

Leggi tutto…

Predicazione: “L’opera dello Spirito santo”

8 giugno 2019

Ho pubblicato la nuova predicazione dal titolo:

L’opera dello Spirito santo

Per ascoltare le altre predicazione vai a questa pagina del mio sito web ‘Sentieri Antichi’: Mie predicazioni portate su skype

Leggi tutto…

Uno spettacolo al posto del culto al Signore!

3 giugno 2019

Uno spettacolo al posto del culto al Signore!

unospettacolo

I santi antichi si radunavano per offrire un culto al Signore “accettevole, con riverenza e timore “ (Ebrei 12:28), e da quelle riunioni di culto tornavano edificati, ammaestrati, corretti, confermati e fortificati e consolati!

Oggi invece per molti che si dicono Cristiani radunarsi significa andare ad assistere ad uno spettacolo (interpretato da degli attori ben preparati, infatti è tutta una recitazione, dalla predicazione vuota scritta e letta da uomini senza Dio, ai cantici – ma quali cantici, sono canzoni vuote cantate da una band musicale con la corale dove le donne sono ben messe in mostra con il loro abbigliamento provocante, per cui i membri possono anche stare comodi ed ascoltare come nei concerti mondani – e alle preghiere anche queste vuote e preconfezionate, tutti compiti naturalmente assegnati per meriti acquisiti a fedeli dipendenti della denominazione, che sono corrotti e quindi pronti a mentire su tutto pur di difendere la propria denominazione corrotta e pervertita), seduti comodamente su delle poltrone … dove mancano solo i pop-corn e la coca-cola! Ma non si può escludere che in futuro arriveranno pure quelli! E da queste riunioni un vero credente che dovesse parteciparvi torna turbato, scontento, e arrabbiato per tutte le cose perverse e storte che sente e vede. Se state frequentando questi luoghi di intrattenimento, vi esorto ad uscire e separarvi e a radunarvi nelle case come facevano i discepoli antichi. Leggi tutto…

Il piano dei Massoni

2 giugno 2019

Il piano dei Massoni

Ricordatevi questo: la Massoneria ha un piano per le Chiese Evangeliche comprese quelle Pentecostali, e lo sta adempiendo. Non illudetevi, la Massoneria ha in mano le denominazioni evangeliche nazionali e gli organismi evangelici internazionali di cui esse fanno parte. Il risultato dell’attuazione di questo piano? Non predicano il Vangelo e non insegnano la dottrina degli apostoli. Tutti i massoni presenti nelle Chiese (pastori, teologi, storici, giornalisti, direttori di riviste, direttori di case editrici, professori, imprenditori, avvocati, etc.) si stanno adoperando per distruggere le Chiese dall’interno: chi in una maniera chi un’altra, ma tutti sono impegnati nel medesimo progetto. Vi ripeto dunque: uscite e separatevi da queste organizzazioni e radunatevi nelle case abbandonando tutte le menzogne di queste organizzazioni. Leggi tutto…

NON CANTATE QUESTA CANZONE «EVANGELICA»!

27 maggio 2019

NON CANTATE QUESTA CANZONE «EVANGELICA»!

NON CANTATE QUESTA CANZONE «EVANGELICA»! from Giacinto Butindaro on Vimeo.

Lui si chiama Dante Gebel ed è un «pastore» delle Assemblee di Dio negli USA, precisamente della Chiesa River Church di Anaheim, California, USA (http://river-church.org). In questo suo show promuove una canzone «evangelica» – molto coinvolgente in quanto ha ritmi particolari – che dice: «Un minuto di silenzio per il diavolo che è morto».

Ma il diavolo non è morto. Noi abbiamo vinto il diavolo (cfr. 1 Giovanni 2:14), ma non lo abbiamo ucciso! Ecco perché è scritto:

“Siate sobri, vegliate; il vostro avversario, il diavolo, va attorno a guisa di leon ruggente cercando chi possa divorare. Resistetegli stando fermi nella fede ….” (1 Pietro 5:8-9).

State molto attenti, perché questo Dante Gebel è un falso ministro di Cristo, che sta portando tante false dottrine e tanta mondanità in seno alle Chiese Pentecostali, soprattutto in seno ai giovani perché è uno che sa ammaliare i giovani! Sta seducendo moltitudini di giovani! Leggi tutto…

Senza fede …

26 maggio 2019

Senza fede …

senza-fede

... è impossibile piacere a Dio

«Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi s’accosta a Dio deve credere ch’Egli è, e che è il rimuneratore di quelli che lo cercano.» (Ebrei 11:6)

è impossibile essere giustificati

«poiché noi riteniamo che l’uomo è giustificato mediante la fede, senza le opere della legge» (Romani 3:28)

è impossibile essere esauditi nelle preghiere

«Ma chiegga con fede, senza star punto in dubbio; perché chi dubita è simile a un’onda di mare, agitata dal vento e spinta qua e là» (Giacomo 1:6)

è impossibile entrare nel Regno dei cieli se non si persevera nella fede

«Ma chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato» (Matteo 24:13)

Alla luce di quanto insegna la Parola di Dio, fratelli e sorelle nel Signore ricordatevi sempre che avete il dovere di esaminare voi stessi per sapere se siete ancora nella fede, secondo quanto è scritto:

«Esaminate voi stessi per vedere se siete nella fede; provate voi stessi. Non riconoscete voi medesimi che Gesù Cristo è in voi? A meno che proprio siate riprovati.» (2 Corinzi 13:5)

Le sacre Scritture definiscono in questa maniera cosa è la fede:

«Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono» (Ebrei 11:1)

Cari nel Signore, vi esorto a mettere in atto tutti quegli sforzi che sono necessari per crescere nella fede e mantenervi fermi in essa sino alla fine, cominciando dal perseverare nella preghiera in ginocchio e nello studio della Parola di Dio; considerate questo, se non fate almeno tali cose fondamentali elementari, voi NON STATE PERSEVERANDO NELLA FEDE, quindi state rischiando di non entrare nel Regno dei cieli.

A coloro che ancora non conoscono Iddio e sono morti nei loro peccati, io dico che si ravvedano e credano nell’Evangelo di Gesù Cristo, in modo che sia donata la fede da Dio che fa nascere di nuovo e per mezzo d’essa siate rigenerati e giustificati, e così siate salvati dall’ira di Dio che ha da venire. Leggi tutto…

Anche Matteo Salvini è un’autorità ordinata da Dio

25 maggio 2019

Anche Matteo Salvini è un’autorità ordinata da Dio

matteosalviniministro

Nessuno dimentichi che anche Matteo Salvini, attuale ministro dell’Interno, che è tanto avversato da una parte della popolazione italiana, è un’autorità ordinata da Dio e quindi un’autorità che dobbiamo rispettare e alla quale dobbiam sottometterci e per la quale dobbiamo pregare (affinché Dio lo salvi, innanzi tutto, e poi affinché Dio lo guidi, gli dia sapienza e lo protegga) e per le cui cose giuste che ha fatto e che fa dobbiamo ringraziare Dio.

Non importa se certe sue decisioni non sono gradite a questo o quell’altro partito politico – che lo hanno accostato per questa ragione a Benito Mussolini -, non importa se invoca Maria per avere da lei protezione, o se esibisce la corona del rosario o il crocifisso, egli rimane un’autorità ordinata da Dio in Italia per questo preciso periodo storico. Sicuramente anche lui sta adempiendo il disegno di Dio per questa nazione. E badate che farei questo stesso discorso anche se fosse Ministro dell’Interno un uomo che perseguiterebbe la Chiesa di Dio! Naturalmente, voi sapete molto bene che io sono apolitico ed esorto la Chiesa ad astenersi dal fare politica come anche dall’andare a votare, ma sono costretto a dirvi queste cose, perché noto che in mezzo alle Chiese appena c’è un autorità che prende certe decisioni pare che molti si dimentichino improvvisamente che “non v’è autorità se non da Dio; e le autorità che esistono, sono ordinate da Dio; talché chi resiste all’autorità, si oppone all’ordine di Dio; e quelli che vi si oppongono, si attireranno addosso una pena” (Romani 13:1-2). Leggi tutto…

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

apologeticum

Siate sempre pronti a render conto della speranza che è in voi a tutti quelli che vi chiedono spiegazioni. Ma fatelo con mansuetudine e rispetto, e avendo la coscienza pulita (1 Pt 3, 15-16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: