Skip to content

Voci che corrono:..


#6 – 02/03/2012 – Ma veramente i credenti non devono giudicare mai?

Fratelli, purtroppo vi hanno inculcato falsamente nella vostra mente che non potete giudicare mai di nessuna cosa, ma la Parola di Dio non insegna questo.

1) Sta scritto:
«Poiché l’orecchio giudica dei discorsi, come il palato assapora le vivande.» (Giobbe 34:3)
Vedete, fratelli, qui è chiaro che nella stessa maniera in cui gli uomini esprimono una valutazione, un giudizio sul cibo quando lo mangiano, così nella stessa maniera esprimono un giudizio quando sentono un discorso, che può piacergli oppure no. Quindi si può giudicare secondo le Scritture, e non è vero che non si deve mai giudicare.

2) Ma non è finita qui, leggiamo ancora cosa dice la Parola di Dio:
«Parlino due o tre profeti, e gli altri giudichino;» (1 Corinzi 14:29)
Se i credenti non possono giudicare mai in nessuna maniera e per nessuna cosa, come mai l’apostolo Paolo dice di ascoltare i profeti che parlano e di giudicare ciò che viene detto?

3) Ancora leggiamo:
«Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicar delle cose minime? Non sapete voi che giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare delle cose di questa vita!» (1 Corinzi 6:2,3)
Vedete le parole ultime di questo passo di Paolo, che dice che POSSIAMO giudicare delle cose di questa vita, di tutto.

4) Anche Gesù ha insegnato di GIUDICARE:
«Non giudicate secondo l’apparenza, ma giudicate con giusto giudizio.» (Giovanni 7:24)
Gesù ha detto di GIUDICARE CON GIUSTO GIUDIZIO, ed è una condizione necessaria per giudicare, cioé non esprimere giudizi basandosi sull’apparenza.
Naturalmente se uno è un fornicatore, non può e non deve riprendere e giudicare altri fornicatori, perché così facendo CONDANNA SE’ STESSO, e in questo caso vale il passo che si riferisce al bruscolo e alla trave.

Fratelli nel Signore, voi tutti siete stati sedotti dai falsi dottori, quando vi hanno inculcato nella mente che non potete giudicare mai per nessuna cosa, lo hanno solo fatto per TAPPARVI la bocca e non permettervi di esprimere le vostre opinioni su quanto COSTORO compiono di male e voi ne venite a conoscenza.
Capite, dunque, che voi non siete delle anime che sono amate da costoro, ma siete solo DEI BANCOMAT per i pastori e i dirigenti delle ADI.
Sveglia fratelli! Il sole è alto ormai, e non è più tempo di dormire, aprite gli occhi, guardatevi attorno per vedere la desolazione della Chiesa che frequentate, vedrete dei bei muri ben curati, e per terra vedrete del marmo, ma spiritualmente lasciano MOLTO A DESIDERARE.


#5 – 18/09/2010 – Ci sono conduttori che dicono ai divorziati: E’ meglio sposarsi che ardere!

Fratelli nel Signore, la Parola di Dio insegna che chiunque sia divorziato non può assolutamente risposarsi, altrimenti commette adulterio.

La Bibbia non ammette eccezioni!

Tuttavia, ahimè, ci sono conduttori che insegnano che i divorziati possono risposarsi e citano il passo di Paolo: è meglio sposarsi che ardere, per cercare di convincere i contradditori.

Leggiamo il passo in esame in modo più completo per cercare di capire se il significato è quello che gli danno costoro oppure no.

Sta scritto nella Parola della verità:
1 Corinzi 7:8,9 “Ai celibi e alle vedove, però, dico che è bene per loro che se ne stiano come sto anch’io.
Ma se non si contengono, sposino; perché è meglio sposarsi che ardere.”

Come avete letto, quelle parole l’apostolo Paolo le rivolge ai CELIBI E ALLE VEDOVE, non ai CONIUGI, quindi, non possono essere rivolte ai divorziati le parole che è ‘meglio sposarsi che ardere’.

Ecco, quindi, con la semplice lettura del passo sono emerse due cose: una è la chiara identificazione delle persone a cui Paolo ha rivolto tali parole, cioé ai celibi e alle vedove; la seconda è che i conduttori che citano tale passo con uno scopo non conforme allo scopo per cui Paolo le ha dette, manifestano ignoranza nella conoscenza della Parola di Dio, se non addirittura furbizia.
Fratelli, di tali conduttori come potrete fidarvi quando insegnano qualcos’altro? Io non mi fiderei di costoro, perchè non mettono particolare attenzione allo studio della Parola, manifestano di essere incapaci di assumere l’incarico di insegnamento della Bibbia.

Diletti nel Signore, guardatevi dai falsi dottori, che usano un parlare dolce, ma le loro parole vi conducono alla morte spirituale!

Giuseppe Piredda

Per un maggior approfondimento sull’argomento del divorzio e sul risposarsi, leggete il seguente scritto:
Confutazione della dottrina: “Oltre la morte, anche l’adulterio e la decisione del non credente di non volere piu’ abitare con il credente puo’ consentire all’altro coniuge il passaggio a nuove nozze”.


#4 – 25/10/2009 – Molti dicono: “Gesù può tornare anche stanotte! Il suo ritorno è imminente!”

Ebbene, fratelli, vi esorto a non credere a tali parole, perché sono false! Sono false come lo erano quelle ricordate dall’apostolo Paolo nella seconda lettera ai Tessalonicesi, infatti Paolo ha detto:
“Or, fratelli, circa la VENUTA DEL SIGNOR NOSTRO GESU’ Cristo e il NOSTRO ADUNAMENTO con lui, vi preghiamo di non lasciarvi così presto travolgere la mente, né turbare sia da ispirazioni, sia da discorsi, sia da qualche epistola data come nostra, quasi che il giorno del Signore FOSSE IMMINENTE. Nessuno vi tragga in errore in alcuna maniera; poiché QUEL GIORNO non verrà se prima non sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato, il figliuolo della perdizione, l’avversario, colui che s’innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch’egli è Dio.” (2 Tessalonicesi 2:1-4)
Avete letto che Paolo mette nello stesso giorno sia la VENUTA DEL SIGNORE che il NOSTRO ADUNAMENTO con Lui, e che questo giorno non verrà se prima non si saranno manifestate la GRANDE APOSTASIA e la VENUTA DELL’ANTICRISTO, dell’EMPIO?

Quindi, se non ci sono i segni, non ci può essere neppure l’imminente ritorno del Signore.
Per documentarvi meglio leggete la confutazione: Il rapimento segreto è una falsa dottrina!
E se volete sentirla scaricate il file audio mp3: Contro il rapimento segreto!


#3 – Molti pronunciano le parole: “amore! amore!”

Diletti nel Signore, voglio ricordarvi il primo e il più grande comandamento che dice: (Marco 12:29,30) “Gesù rispose: Il primo è: Ascolta, Israele: Il Signore Iddio nostro è l’unico Signore: ama dunque il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua e con tutta la mente tua e con tutta la forza tua.”
Gesù dice prima di tutto: “Ascolta, Israele!” E poi dice che dobbiamo amare Iddio con tutto il nostro cuore e con tutto il nostro essere. Ora, considerato questo comandamento, mi sono sempre domandato come mai molti di quelli che hanno sempre in bocca la parola ‘amore’, ‘amiamoci’, ‘Dio è amore’, sono poi proprio quelli che non ascoltano Iddio e non amano la Parola di Dio con tutto il cuore, perché prendono solo quello che gli piace, e quando la Parola dice qualcosa che a loro non piace, allora cominciano a trovare dei sofismi per gettarsela dietro le spalle, tra le quali vi è quello della citazione dell’originale in greco, dicono: “bisogna vedere cosa dice l’originale”, oppure si rifugiano dietro le parole: “bisogna intenderle secondo la cultura del tempo”, e tanti altri ragionamenti insensati simili a questi. Fratelli, state in guardia da costoro che vogliono cambiare il senso delle parole della Bibbia che è stata ispirata dallo Spirito santo, ponete mente a questo, che se il Signore dei cieli e della terra ci ha voluto lasciare scritte certe cose e non altre, c’è un motivo ben preciso ed è necessario che noi tutti le osserviamo, ogni parola di Dio va ascoltata e obbedita, perché ciò ci è stato dato per istruirci e farci del bene, non per farci del male.


#2 – Chi vi ha insegnato che evangelizzare esclude l’elemosina?Diletti, voglio porre alla vostra attenzione questa questione di cui mi sono giunte numerose voci.
Uno dei compiti più importanti della chiesa è vero che è evangelizzare, ma ciò non toglie che i santi devono fare anche l’elemosina ai poveri, come ci ha insegnato Gesù.
Oggi, invece le ADI stanno presentando degli studi ai loro membri, dai pulpiti e attraverso libri, i quali contrappongono l’elemosina all’evangelizzazione, quasi che se uno fa elemosina ai poveri impedisce od ostacola l’evangelizzazione. Ebbene, le cose non stanno così, le due cose devono coesistere, perché assolutamente il fare elemosina non preclude la possibilità di evangelizzare.
Fate attenzione, fratelli, perché la Bibbia ci insegna che le falsità vengono introdotte di soppiatto, cioé in modo nascosto.


#1 – Coraggio! Evangelizzate liberamente.
A voi, fratelli, che andate per le strade, per le piazze e per i parchi ad evangelizzare.
Voi fate una cosa buona e se incontrate qualche fratello di altre denominazioni che cerca di scoraggiarvi, non fateci caso, continuate ad annunziare la salvezza in Cristo Gesù.
Purtroppo, ci sono alcuni oppositori che scoraggiano chi evangelizza nelle piazze, come se avessero solo loro l’autorità da Dio di evangelizzare. Voi state facendo cosa gradita a Dio, la sua volontà, non fatevi scoraggiare da nessuno e rispondete come si meritano a costoro che sono arroganti e si oppongono al compimento della volontà di Dio.

2 commenti leave one →
  1. Mario Santi Bellipanni permalink
    1 dicembre 2009 14:42

    Alcuni vostri studi li considero imparegiabili . Altre messe in guardia sono altrettanto utili. Peccato che che siete così attaccati al vostro pentecostalismo . La confutazione di Tommaso Heinze è tanto logorroica quanto inutile. Il battesimo di Spirito Santo tutti i credenti l’ottengono al momento della conversione e del battesimo in acqua per immersione. Non lo sapete frse ma sull’argomento esison altri studi biblici di rispettabili servi di Dio: uno di questi è :”Bisogna parlare in lingue ?” di Guglielmo Standridge. L’altro studio è del predicatore ed evangelista francese Erik Benevolo . Fate male a dividere i credenti in pentecstali ed anti-pentecostali dando la patente ai primi per il Paradiso ed ai secondi per l’inferno !! Questo si chiama “giudicare”. Gesù ci ha detto di non giudicare nessuno; di più: ha detto che lui stesso come uomo non giudicava nessuno !! E questa cosa la dovremmo fare noi ?? Dite che alcuni gruppi accusano i pentecostali di parlare tramite dei demoni ; ora , aldilà di alcune esagerazioni fatte da Nicola Martella (che non condivido affatto nemmeno io) non vi siete occupati voi stessi (come fratelli Butindaro)della dottrina della prosperità e del benessere diffusa peculiarmente proprio tra pentecostali e carismatici di tutto il mondo ?? Paul Yongji Cho e Benny Hinn non sono pentecstali ?? Jimmy Swaggart prima dello Hinn non era pentecostale delle Assemblies od God pure lui ??Quando c’è la presenza certa di Satana in persone che parlano linguaggi sconosciuti , come dicono i non-pentecostali ?? Quando non ci sono i frutti dello Spirito e si ricercano solo i doni, si vorrebbe far credere che ci sono solo i doni. Voi stessi denunciate delle cose vere ed inaudite che vengono fatte da pentecostali ADI e non-ADI : se avessero davvero lo Spirito Santo e parlassero linguaggi tramite quello (perchè ce ne sono a miliaia di pentecostali ADI che fanno le cose più turpi e dicono di parlare in lingue sconosciute per mezzo dello Spirito Santo)come potrebbero cacciare via i fratelli e le sorelle poveri dalle loro comunità ?? Come potrebbero “chiudere le proprie viscere” davanti a fratelli, sorelle e perfino bambini gravemente ammalati ?? Come potrebbero perseguire continuamente l’arricchimento quando san Paolo dice che “l’amore per il denaro è la radice di ogni sorta di male” ??? Se fanno tutte ste schifezze e poi dicono di parlare in linguaggi sconosciuti per mezzo dello Spirito Santo voi ci credete ??? Io e tanti altri fratelli che temiamo Dio non possiamo crederci !! Mai ! Dice la parola di Dio di “provare gli spiriti” e “non credere a tutti gli spiriti”!! E’ quando vediamo un’incoerenza tra iul dire ed il fare , anzi tra l’essere ed il pretendere che noi respingiamo certe ipotesi. Per alcuni studi che avete fatto siete stati guidati indubbiamente dal Signore ! I miei complimenti e che Dio vi benedica. In Cristo,

    Mario Bellipanni

    Mi piace

  2. 1 dicembre 2009 21:16

    Mettiamo un po’ di ordine alle cose che hai detto.
    1) Sta scritto: (1 Pietro 3:21) “Alla qual figura corrisponde il battesimo (non il nettamento delle sozzure della carne ma la richiesta di una buona coscienza fatta a Dio),”
    Questo per dire che il battesimo in acqua non partecipa in nessuna maniera alla salvezza di un uomo, ma bensì è una testimonianza di aver ricevuto la salvezza, la nuova nascita, ed anche una richiesta di buona coscienza.
    Alcune persone, non so se è anche il tuo caso questo, ritengono che il passo: (Giovanni 3:5) “Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio.“, voglia significare che anche il battesimo in acqua partecipa alla rigenerazione dell’uomo, appunto perché Gesù parla di una nascita d’acqua, ma non è assolutamente così.
    Nascere d’acqua significa nascere dalla PAROLA DI DIO, perché l’acqua in quel caso rappresenta la Parola, infatti sta scritto: (Efesini 5:25-27) “Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, affin di santificarla, dopo averla purificata col LAVACRO DELL’ACQUA MEDIANTE LA PAROLA,…” (vedi anche i passi Giac. 1:18; 1 Piet. 22,23).
    Quindi, la rigenerazione nell’uomo avviene per l’azione congiunta dello Spirito santo e della Parola di Dio.

    2) Nelle sacre Scritture sono indicati sei (6) battesimi diversi l’uno dall’altro, tra cui ci sono due che sono molto controversi in ambito evangelico; questi sono il battesimo di Spirito santo (1 Cor. 12:13) “Infatti noi tutti abbiam ricevuto il battesimo di un unico Spirito per formare un unico corpo, e Giudei e Greci, e schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un unico Spirito.” e l’altro è il battesimo con lo Spirito santo: (Atti 1:8) “Ma voi RICEVERETE POTENZA quando lo Spirito Santo verrà su voi, e mi sarete testimoni e in Gerusalemme, e in tutta la Giudea e Samaria, e fino all’estremità della terra.”
    Il battesimo di Spirito, è ministrato dallo Spirito santo e compie l’opera di immergere il credente nel corpo di Cristo, cioé nella chiesa, e noi sappiamo bene che si diventa parte del corpo di Cristo quando si è rigenerati; quindi il battesimo di Spirito di 1 Cor. 12:13 si riferisce alla nuova nascita.

    Col battesimo con lo Spirito santo, invece si viene RIEMPITI DI SPIRITO SANTO e si riceve POTENZA per le opere e gli incarichi che Dio vorrà dargli, per avere un’azione più efficace, grazie alla PIENEZZA DI SPIRITO SANTO.

    E’ doveroso dire, per non turbare gli animi di taluni, che lo Spirito è già presente già in chi nasce di nuovo, dall’alto, in una certa misura, mentre con il Battesimo con lo Spirito, che è una esperienza diversa dalla nuova nascita, si riceve LA PIENEZZA DI SPIRITO SANTO, e quest’ultimo si manifesta con il parlare in altre lingue sconosciute a chi le parla; con la rigenerazione si manifesta il FRUTTO DELLO SPIRITO SANTO.

    3) Un altro concetto biblico che non entra in testa agli ANTIPENTECOSTALI, cioé a quelli che non credono a quelle dottrine tipicamente pentecostali (la parola pentecostale ha il solo scopo di definire che si crede in certe dottrine, e differenziarsi da quelli che non ci credono), è il fatto che Dio può dare lo Spirito con misura, Gesù non lo ricevette con misura, infatti sta scritto: (Giovanni 3:34) “Poiché colui che Dio ha mandato, proferisce le parole di Dio; perché Dio non gli dà lo Spirito con misura.

    Questo concetto dello Spirito dato con misura è confermato anche da altri passi e concetti biblici, ad esempio il fatto di parlare di RIEMPIMENTO DI SPIRITO, PIENEZZA DI SPIRITO, fa esmplicito riferimento ad una MISURA.
    Ma ora citiamo dei passi che dimostrano senza ombra di dubbio che Iddio può dare lo Spirito con misura, perché lo ha dato ai tempi di Gesù, ai tempi di Mosè e lo fa ancora oggi.
    Il giorno che Gesù risuscitò si presentò ai suoi discepoli, e disse e fece queste cose: (Giovanni 20:22) “E detto questo, soffiò su loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo.“, come leggete Gesù SOFFIO’ SU LORO, ciò indica un passaggio di qualcosa da Gesù ai discepoli, ed era proprio lo Spirito santo.
    Circa cinquanta giorni dopo che Gesù fece ciò, il giorno della pentecoste accadde questo: (Atti 2:1,4) “E come il giorno della Pentecoste fu giunto, tutti … tutti furon RIPIENI dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi.
    Tra loro c’erano pure i discepoli su cui Gesù soffiò su di loro lo Spirito santo.
    Pertanto, le sacre Scritture insegnano che Gesù diede loro una misura di Spirito quando risuscitò, poi promise loro di RIEMPIRLI e quando giunse il giorno della pentecoste FURONO RIPIENI di Spirito santo! Furono appunto ripieni perché prima lo avevano ricevuto ma non erano ripieni.

    E’ importante concludere col passo in cui Pietro, spiegando quanto era accaduto il giorno della pentecoste, parla di quella stessa promessa che Dio ha cominciato a spargere il giorno della pentecoste ed avrebbe continuato a spargere anche dopo, a giudei e gentili: (Atti 2:39) “Poiché per voi è la promessa, e per i vostri figliuoli, e per tutti quelli che son lontani, per quanti il Signore Iddio nostro ne chiamerà.

    Pietro specifica che la promessa era per quei giudei che lo ascoltavano, per i loro figlioli, per i gentili, perchè la formula “per tutti quelli che sono lontani” si riferisce ai gentili, poi, la cosa più importante che dobbiamo noi sapere oggi, è che quando dice: “…per quanti il Signore Iddio nostro ne chiamerà.” si riferisce al tempo, al futuro, riguarda tutti coloro che Dio chiamerà, non mettendo limiti di tempo, infatti così è avvenuto nei secoli, coloro che lo hanno creduto e domandato lo hanno ricevuto, secondo la grazia e la volontà di Dio.

    Questi sono SOLO ALCUNI dei passi che parlano della grande promessa del BATTESIMO CON LO SPIRITO SANTO seguito dal segno delle lingue, ma sono sufficienti a far riflettere.

    Io trovo che la difesa di voi antipentecostali contro questa dottrina sono inconsistenti e privi di fondamento biblico. Persino il ricorso a lingue originali per annullare quei passi che non riuscite a spiegare, è un ricorso patetico e inutile, che ha come unico scopo quello di confondere non certo quello di far comprendere chi ascolta.
    Sono i vostri discorsi che io ho trovato sempre inutili e privi di sapienza dall’alto, questo perchè non SI PUO’ NULLA CONTRO LA VERITA’.

    Il vostro errore principale consiste in questo, che voi RIFIUTATE UNA PROMESSA DI DIO BASANDOVI su manifestazioni false e scandalose perpetrate da membri di comunità pentecostali, e questo non è assolutamente un comportamento che un credente deve tenere, perché le promesse e le dottrine si devono formulare ESCLUSIVAMENTE GUARDANDO ALLA PAROLA DI DIO.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: