Skip to content

Sono stati scelti …

14 luglio 2017

Sono stati scelti …

avversari-predestinazioneNell’epistola di Paolo ai romani leggiamo, tra l’altro, queste parole:

«Non solo; ma anche a Rebecca avvenne la medesima cosa quand’ebbe concepito da uno stesso uomo, vale a dire Isacco nostro padre, due gemelli; poiché, prima che fossero nati e che avessero fatto alcun che di bene o di male, affinché rimanesse fermo il proponimento dell’elezione di Dio, che dipende non dalle opere ma dalla volontà di colui che chiama, le fu detto: Il maggiore servirà al minore; secondo che è scritto: Ho amato Giacobbe, ma ho odiato Esaù. Che diremo dunque? V’è forse ingiustizia in Dio? Così non sia. Poiché Egli dice a Mosè: Io avrò mercé di chi avrò mercé, e avrò compassione di chi avrò compassione. Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia. Poiché la Scrittura dice a Faraone: Appunto per questo io t’ho suscitato: per mostrare in te la mia potenza, e perché il mio nome sia pubblicato per tutta la terra. Così dunque Egli fa misericordia a chi vuole, e indura chi vuole.» (Romani 9:10-18)

Sulla base di quanto abbiamo letto, possiamo dire che Iddio ha scelto Giacobbe e non Esaù, e lo ha scelto non perché avesse visto in Giacobbe un cuore buono o delle opere meritevoli che avrebbe fatto, ma semplicemente perché questa era la decisione che prima della fondazione del mondo Iddio ha preso; questo è il proponimento dell’elezione di Dio. Tale decisione non è dipesa dalla volontà di colui che è stato chiamato, ma dalla volontà esclusiva di Colui che chiama.

Iddio ha detto a Mosè che avrebbe avuto misericordia e compassione di chi avrebbe voluto averne, non di chi è in qualche modo sarebbe stato meritevole o avrebbe avuto alcuna predisposizione buona di cuore.

Iddio ha scelto anche Faraone per portare a compimento un uso disegno, lo ha suscitato per mostrare in lui la Sua potenza e per farsi un nome in mezzo alle nazioni, con i segni e i prodigi che ha compiuti in Egitto.

Leggiamo ancora:

«Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, e v’ho costituiti perché andiate, e portiate frutto, e il vostro frutto sia permanente; affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia.» (Giovanni 15:16)

Gesù ha scelto i suoi discepoli, i suoi apostoli, non sono loro che hanno scelto Gesù.

Gesù ha scelto anche l’apostolo Paolo, infatti è scritto:

«Or Saulo, tuttora spirante minaccia e strage contro i discepoli del Signore, venne al sommo sacerdote, e gli chiese delle lettere per le sinagoghe di Damasco, affinché, se ne trovasse di quelli che seguivano la nuova via, uomini e donne, li potesse menar legati a Gerusalemme. E mentre era in cammino, avvenne che, avvicinandosi a Damasco, di subito una luce dal cielo gli sfolgorò d’intorno. Ed essendo caduto in terra, udì una voce che gli diceva: Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? Ed egli disse: Chi sei, Signore? E il Signore: Io son Gesù che tu perseguiti; ma lèvati, entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare.» (Atti 9:1-6)

Saulo perseguitava i cristiani, non aveva nessuna intenzione di credere in Gesù Cristo, ma Egli lo scelse, secondo quanto è scritto:

«Ma il Signore gli disse: Va’, perché egli è uno strumento che ho eletto per portare il mio nome davanti ai Gentili, ed ai re, ed ai figliuoli d’Israele; poiché io gli mostrerò quante cose debba patire per il mio nome.» (Atti 9:15-16)

E ancora:

«Ed egli disse: L’Iddio de’ nostri padri ti ha destinato a conoscer la sua volontà, e a vedere il Giusto, e a udire una voce dalla sua bocca. Poiché tu gli sarai presso tutti gli uomini un testimone delle cose che hai vedute e udite.» (Atti 22:14-15)

Anche per quanto riguarda la nuova nascita, leggiamo queste parole scritte da Giovanni:

«ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figliuoli di Dio; a quelli, cioè, che credono nel suo nome; i quali non son nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d’uomo, ma son nati da Dio.» (Giovanni 1:12-13)

Secondo tali parole, si capisce che NON sono gli uomini di carne e polvere che scelgono di nascere di nuovo e di credere, ma è SOLO ED ESCLUSIVA volontà di Dio. Per voi che leggete, sono chiare o no le parole che sono scritte? E per quale motivo volete giungere alla conclusione contraria di quanto è scritto? Volete far irritare Iddio, volete farlo adirare contro di voi che parlate contro la Sua Parola?

Badate bene che i vostri discorsi insensati, voi che credete nel libero arbitrio e rifiutate la sovranità di Dio, Iddio li conosce da lungi, prima ancora che voi nasceste, ed infatti è per voi che sono scritte queste parole di ammonimento:

«Tu allora mi dirai: Perché si lagna Egli ancora? Poiché chi può resistere alla sua volontà? Piuttosto, o uomo, chi sei tu che replichi a Dio? La cosa formata dirà essa a colui che la formò: Perché mi facesti così?» (Romani 9:19-20)

«E io ti rispondo: In questo non hai ragione; giacché Dio è più grande dell’uomo. Perché contendi con lui? poich’egli non rende conto d’alcuno dei suoi atti.» (Giobbe 33:12-13)

«Dovrà forse Iddio render la giustizia a modo tuo, che tu lo critichi? Ti dirà forse: ‘Scegli tu, non io, quello che sai, dillo’?» (Giobbe 34:33)

Insensati e duri di cuore, smettete di criticare Iddio e di giudicarlo per la sua sovranità, perché Egli fa quello che vuole, Egli salva chi vuole e indura chi vuole, proprio com’è scritto nei passi della Bibbia che abbiamo letto sopra. Chi sei tu per giudicare che Dio sia ingiusto se fa come gli piace e come ha stabilito fin dalla fondazione del mondo?

Non sta forse scritto anche in Efesini che è Lui che elegge i suoi, e che lo fa esclusivamente secondo il beneplacito della sua volontà, e non perché vede qualcosa di buono negli uomini che sceglie?

Infatti è scritto:

«Benedetto sia l’Iddio e Padre del nostro Signor Gesù Cristo, il quale ci ha benedetti d’ogni benedizione spirituale ne’ luoghi celesti in Cristo, siccome in lui ci ha eletti, prima della fondazione del mondo, affinché fossimo santi ed irreprensibili dinanzi a lui nell’amore, avendoci predestinati ad essere adottati, per mezzo di Gesù Cristo, come suoi figliuoli, secondo il beneplacito della sua volontà: a lode della gloria della sua grazia, la quale Egli ci ha largita nell’amato suo.» …

In lui, dico, nel quale siamo pur stati fatti eredi, a ciò predestinati conforme al proposito di Colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della propria volontà, affinché fossimo a lode della sua gloria, noi, che per i primi abbiamo sperato in Cristo.» (Efesini 1:3-6/11-12)

Ancora, leggete come Dio scelse di salvare Lidia, e non altre donne che si trovavano in quel luogo dove Paolo evangelizzava:

«E nel giorno di sabato andammo fuori della porta, presso al fiume, dove supponevamo fosse un luogo d’orazione; e postici a sedere, parlavamo alle donne ch’eran quivi radunate. E una certa donna, di nome Lidia, negoziante di porpora, della città di Tiatiri, che temeva Dio, ci stava ad ascoltare; e il Signore le aprì il cuore, per renderla attenta alle cose dette da Paolo.» (Atti 16:13-14)

Iddio sceglie e salva solo quelli che ha preordinato di salvare, infatti è scritto:

«E i Gentili, udendo queste cose, si rallegravano e glorificavano la parola di Dio; e tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero.» (Atti 13:48)

Sta forse scritto che credettero quelli buoni, che aprirono il loro cuore, che si erano predisposti? No vi dico, credettero solo quelli che erano PREORDINATI a VITA ETERNA, che furono predestinati da Dio fin dalla fondazione del mondo.

Ma continuiamo e vediamo anche che Iddio non solo sceglie quelli che saranno salvati, ma anche chi deve essere evangelizzato e impedisce di evangelizzare altri. Ecco cosa ci fa sapere Luca:

«Poi traversarono la Frigia e il paese della Galazia, avendo lo Spirito Santo vietato loro d’annunziar la Parola in Asia; e giunti sui confini della Misia, tentarono d’andare in Bitinia; ma lo Spirito di Gesù non lo permise loro; e passata la Misia, discesero in Troas. E Paolo ebbe di notte una visione: Un uomo macedone gli stava dinanzi, e lo pregava dicendo: Passa in Macedonia e soccorrici. E com’egli ebbe avuta quella visione, cercammo subito di partire per la Macedonia, tenendo per certo che Dio ci avea chiamati là, ad annunziar loro l’Evangelo.» (Atti 16:6-10)

Ora diamo uno sguardo al futuro, e vediamo come Iddio opera:

«Poi mi disse: Le acque che hai vedute e sulle quali siede la meretrice, son popoli e moltitudini e nazioni e lingue. E le dieci corna che hai vedute e la bestia odieranno la meretrice e la renderanno desolata e nuda, e mangeranno le sue carni e la consumeranno col fuoco. Poiché Iddio ha messo in cuor loro di eseguire il suo disegno e di avere un medesimo pensiero e di dare il loro regno alla bestia finché le parole di Dio siano adempite. E la donna che hai veduta è la gran città che impera sui re della terra.» (Apocalisse 17:15-18)

Vedete, Iddio guida ogni cosa, affinché si adempiano i suoi disegni, e mette in cuore alle persone, che ha scelto per certi compiti, di adempiere ai suoi disegni.

Iddio regna, Iddio è sovrano, Egli fa quello che gli piace, e non renderà conto a nessuno dei suoi atti, perché non è un uomo.

Chi sei tu che giudichi Iddio perché fa quello che vuole? Tu sei solo un vaso di terra, e vorresti dire a Dio che è il vasaio quello che deve fare e lo accuseresti di essere ingiusto?

Vergognati, e chiedi perdono dei tuoi pensieri, ravvediti e buttati faccia a terra e riconosci che Dio regna, nei cieli e nella terra, come gli piace di fare.

A Dio, che è assiso nei cieli, e la terra è lo sgabello dei suoi piedi, siano la gloria, l’onore e la lode, nei secoli dei secoli. Amen!

Giuseppe Piredda, salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: